RECENSIONE: "LA FINESTRA SUL TE'" di Nicoletta Tul

Anna Rita ha letto per noi una guida che porta il lettore a conoscere tutte le curiosità legate al mondo del tè "La finestra sul tè" di Nicoletta Tul edito Santelli Editore.





TITOLO: La finestra sul té
AUTORE: Nicoletta Tul
GENERE: Guida
EDITORE: Santelli
FORMATO: Cartaceo

Ringraziamo la casa editrice per la copia digitale omaggio



Hai tra le mani la guida definitiva che ogni amante del tè deve avere in casa, dal semplice appassionato all'esperto. Avrai così un volume denso di informazioni e segreti del mestiere, che ti condurrà in un mondo ricco di fascino e tradizioni: dalle origini alle diverse tipologie, dalla botanica ai rituali propri di ogni paese, si raccoglie la storia della più nobile delle bevande, accompagnata da consigli pratici capaci di parlare sia ai semplici appassionati che ai professionisti della degustazione e della gastronomia. Con numerose immagini, raccolte dall'autrice durante i viaggi in Oriente.

Tra tutti i romanzi letti in collaborazione con il blog gliocchidellupo questo è senza dubbio il più “originale” e devo dire che già dal titolo mi ha incuriosito moltissimo.

Questo, infatti, non è il solito romanzo, ma una vera e propria enciclopedia riguardo al tè.

Il protagonista assoluto è il tè, ossia la bevanda millenaria, o meglio il “liquore” che almeno una volta abbiamo assaggiato tutti.

L’autore non si è fermato solo a spiegare cos’è il tè, le sue origini e come degustarlo, ma ha fatto una sorta “di viaggio nella storia del tè”.

Ha infatti raccontato la storia e l’evoluzione della bevanda del tè tramite descrizioni molto dettagliate e aneddoti singolari. Ha nominato diversi illustri personaggi che hanno contribuito a diffondere la cultura del tè in tutto il mondo, anche se devo dire da noi in occidente, le usanze sono molto diverse da quelle orientali.

Una storia millenaria, ricca di protagonisti più o meno noti. Di tutti i nomi letti, personalmente conoscevo solo Lipton.

Nella parte iniziale del libro, ricca di tabelle esplicative, c’è la spiegazione delle sei classi di tè e grazie a questo sezione, ho scoperto alcuni aspetti che non avevo mai letto altrove. Sapete ad esempio che i tempi di raccolta del tè variano da stato a stato e alcune volte anche da regione a regione?

Ecco io l’ho scoperto da poco, come ho scoperto da poco che i metodi di essiccazione non sono uguali per tutti i tipi di tè.

Ho capito che dietro al tè c’è un mondo intero da scoprire, strumenti e arnesi particolari da noi sono inesistenti, di uso comune invece in oriente. Ringrazio l’autore per aver aggiunto le foto per far capire di cosa parla, non avrei mai capito cosa fosse il “chasen” ossia il frullino in bambù.

Sarei curiosa di sapere qualcosa in più riguardo a dei bicchieri da tè tipici della Turchia che però non vengono nominati nel manuale.

La parte più interessante è quella riguardante i “rituali del tè”, scanditi da regole precise ma soprattutto basati sul “rispetto”, rispetto per chi ospita e per chi viene ospitato nella “stanza del tè”.

Non nego che vorrei poter entrare in una “stanza del tè” un giorno.

A CURA DI

VOTO




Commenti