RECENSIONE: "ANELLO D'OMBRA" di Alessandro Del Gaudio



Buon Giovedì Wolves Readers.
Oggi vi parlo di una delle mie ultime letture: "Anello d'Ombra" di Alessandro Del Gaudio.
 

Arsian, l'eroe proveniente dall'Anello che il mondo ha imparato a conoscere come Metallo d'Ombra, è un uomo di quarant'anni che deve confrontarsi con il difficile ruolo di padre. Lo abbiamo lasciato mentre confessa a Betty la sua identità segreta e lo ritroviamo con due figli, Astrea e Arno, fratelli gemelli eppure profondamente diversi. Ma il passato bussa alla porta del paladino di Big City presentandogli un conto salato: il Re Eterno sarebbe intenzionato a dichiarare guerra al mondo di superficie e a conquistare il pianeta. È forse per questa ragione che i fratelli di Arsian sono giunti fino a Big City? Per avvertirlo del pericolo? Oppure il conflitto tra l'Anello e la Terra nasconde una minaccia ben più terribile legata ad un'antica leggenda, che affonda le radici in un passato lontano, ai tempi in cui nacque il mondo stesso. Con "Anello d'Ombra" si chiude la trilogia de "L'Ombra di Big City", i cui primi due volumi "Metallo d'Ombra" (2012) e "Lacrima d'Ombra" (2014) sono sempre editi da Il Foglio.



Anello d’Ombra è il terzo romanzo della serie di Alessandro Del Gaudio “La stirpe di un supereroe” che chiude la trilogia.
I primi due volumi “Metallo d’Ombra” e “Lacrima d’Ombra” che vi consiglio di leggere prima di cominciare quest’ultima avventura (io, ahimè, non li ho letti, quindi non conoscevo i personaggi che girano intorno alla trama).
Ma partiamo dal principio.

Il nostro protagonista è Arsian. La sua terra natia è Anello ma adesso vive a Big City. È conosciuto come Metallo d’Ombra grazie all’armatura che indossa quando veste i panni di un supereroe, Valkir.
In questo capitolo della storia, Arsian è felice insieme alla sua compagna Betty e ora è padre di due gemelli: Arno e Astred, caratterialmente molto diversi. Il primo è chiuso, timido, riflessivo; l’altra è ribelle e reattiva.
Con il tempo è riuscito a creare una squadra con nuovi alleati conosciuta come la Fratellanza dell’Ombra.
C’è un nuovo nemico a Big City, il Re Eterno che sta per arrivare per conquistare il mondo e i fratelli di Arsian lo raggiungono sulla terra con il treno di Franz, che permette ai due mondi di comunicare, e lo avvertono del pericolo.

Un’antica leggenda, un conflitto tra la Terra e l’Anello, una squadra di supereroi e un nemico invisibile, questo e molto altro si nasconde tra le pagine di questo romanzo ricco di azione. 

Appena cominci a leggere il romanzo di Alessandro Del Gaudio ti sembra di vivere una storia dei supereroi della Marvel. Arsian, infatti, l’ho immaginato nei panni di Iron Man con la sua armatura e il cuore artificiale.

Si nota quindi nella trama, sicuramente originale e avvincente, il legame dell’autore con il mondo dei fumetti oltre che con quello fantasy.

Tutti i personaggi sono ben delineati sia fisicamente che psicologicamente. Raccontata in prima persona dallo stesso Arsian, l’autore ci permette di vivere la storia tramite gli occhi del suo protagonista facendoci provare empatia per il supereroe.

Una menzione particolare va alla cover che cattura subito l’attenzione del lettore grazie ai suoi colori vividi.



Commenti