REVIEW TOUR: "CURVY LOVE" di Lia Carnevale


Oggi, Amici del Blog, partecipiamo al Review Tour del romanzo di Lia Carnevale dal titolo "Curvy Love" edito Butterfly Edizioni.
A voi la nostra impressione.





Rosy è pigra, odia la palestra e anche i suoi chili di troppo, ma ama i dolci di cui non può fare a meno. Quando Adrian la stringe tra le braccia e la fa sua, non può crederci. Lui è davvero troppo per lei: aspetto nordico, occhi azzurri, fisico prestante. L'uomo più attraente che abbia mai conosciuto. Anche se non si sente alla sua altezza, e ha bisogno di superare le proprie paure e i propri limiti, decide per la prima volta di darsi una chance per vivere qualcosa di profondo con la persona di cui si è innamorata. Ma i suoi piani verranno sconvolti quando scoprirà che Adrian non è sincero come credeva...
Il suo corpo tondo le sembra una condanna. Reagire alla devastazione che il vuoto di lui le ha lasciato non è semplice, soprattutto perché deve imparare la lezione più difficile: amarsi per amare ed essere accettati.
Protagonista del nostro romanzo è Rosy, una ragazza solare, socievole, non una taglia 42, che odia i suoi chili di troppo ma è troppo pigra per andare in palestra. Rinunciare poi ai dolci? Giammai!
 
Il cibo è la sua passione e, quando ne abusa, se ne frega altamente dell'opinione degli altri. Ma cosa succede quando un ragazzo attraente ti fa sentire speciale per una notte e poi non si fa più sentire? E' per il suo aspetto fisico, perchè voleva solo divertirsi o c'è qualcos altro sotto?
 
La trama del romanzo di Lia Carnevale mi ha incuriosito parecchio ed è per questo che ho deciso di accettare di partecipare a questo Review. Chi di noi ragazze non ha mai pensato di avere un difetto fisico! Qualche chilo di troppo, un naso pronunciato, orecchie a sventola, troppo alte o troppo basse, ecc...
 
Rosy è stata descritta come una di noi. Non la solita belloccia che s'innamora del ragazzo carino di turno. E' una donna che sa di avere un difetto ma che non se ne fa un cruccio, vivendo la sua vita senza paura di quei cinque o sei chili in più.

Adrian, il personaggio maschile, non è il solito tipo avvenente che suscita interesse nel lettore. Devo dire la verità, non sono entrata in sintonia con questo protagonista. Troppo enigmatico e poco "presente" almeno nella prima metà del romanzo. Per una questione familiare sparisce senza dare spiegazioni alla nostra protagonista e quando si rincontrano non mi ha dato l'idea di essersi pentito.

Molto bello il rapporto delle tre ragazze, amiche da una vita, che ci viene descritto in maniera impeccabile.

Lo stile dell'autrice è molto scorrevole, in alcuni punti forse poco chiaro e avrei preferito qualche spiegazione in più, ma il tema trattato è stato interessante (anche se una taglia 46 non so quanti problemi si possa fare anche se difatti le donne curvy partono da questa taglia).
 
Il mio mezzo punto in più è proprio per questo.


 

Commenti