RECENSIONE: "PREDESTINED" di Norah Leeann



Salve Amici Lupetti ;)
Sono qui oggi a raccontarvi qualcosa su una delle mile ultime letture: "Predestined" di Norah Leeann.


L'ultima cosa che Eileen Gilbert vuole è farsi coinvolgere da uno sconosciuto. Non importa quanto Royce Williams sia affascinante, irresistibile e magnetico, lei non è disposta a correre più alcun rischio.
Royce è uno scultore e la sua vita ruota intorno all'arte, ma l’incontro con Eileen, la Venere dai capelli d’oro, cambia le sue priorità.
In poco tempo averla diventa un’ossessione, la vuole nella sua arte e di sicuro la desidera nel suo letto, ma lei ha già sofferto in passato e l'uomo le sembra pericoloso per il suo cuore.
Eileen s'illude di avere tutto sotto controllo, potrebbe togliersi la voglia e farla restare la storia di una notte, ma non ha previsto l’insistenza di quell’uomo che non è disposto ad arrendersi...
Un incontro, uno scambio, una chimica dirompente e carnale.
Due corpi predestinati a fondersi in una sola anima.


Il romanzo di Norah Leean è la storia di Eileen e Royce.
Lei è la direttrice di una galleria d’arte, lui uno scultore.
Tra i due nasce sin da subito una sintonia che poi si trasforma in una passione travolgente che cattura anima e corpo.

Eillen è una donna fragile, che non ha più fiducia in se stessa; il suo ex non ha fatto altro che umiliarla quando erano insieme tanto da renderla insicura.
Royce è un uomo passionale che fa di lei la sua musa ispiratrice. 
Entrambi i personaggi hanno un passato doloroso alle spalle che cercano di cancellare e solo camminando insieme, mano nella mano, potranno forse mettere un punto alla storia di “ieri” e iniziare una nuova vita “oggi”.

L’autrice descrive molto bene le emozioni dei due protagonisti ben caratterizzati all’interno della storia. Riesce con la sua scrittura scorrevole a rendere omaggio all’arte soprattutto in una scena particolare in cui Royce è intento a scolpire il marmo. 
Avrei voluto un approfondimento maggiore sul passato di entrambi i personaggi, maggiori flashback che inquadrassero quindi il dolore di un passato travagliato.

Trama semplice e linguaggio diretto; le scene da bollino rosso che caratterizzano il genere sono descritte in maniera chiara ma non trascendono mai nella volgarità.

Consigliato a tutti gli amanti del genere e a chi crede che l'amore per l'arte possa unire due persone mente e cuore.


VOTO:

SENSUALITA':
                              💓💓💓💓💓

A cura di


Commenti