sabato 9 febbraio 2019

INTERVISTA ALL'AUTORE 11: "ERIKA LENTI"


 

Salve Amici Lettori.
Torniamo oggi con la rubrica che intervista gli autori italiani.
Ospite di oggi è l'autrice Erika Lenti che si farà conoscere ai lettori attraverso le nostre domande.
Buona Lettura ;)



    1) Chi è ERIKA LENTI? Raccontaci qualcosa su di te

Sono semplicemente una mamma di due splendidi bambini, da qualche anno disoccupata, a cui è sempre piaciuto il lavoro creativo. Sono così passata da anni di lavoro d’ufficio a diventare onicotecnica, continuando quando capita a fare acconciature e trucchi per cerimonie.
 

   2)Come è nata la tua passione per la lettura? E quella per la scrittura?

Purtroppo ho scoperto la bellezza e l’importanza della lettura non da tanto tempo. Ricordo che una mia amica mi ha quasi costretto a leggere Twilight e da quel momento non sono più riuscita a smettere. Circa due anni fa poi è arrivata questa follia della scrittura. La chiamo follia perché è arrivata dopo un colpo in testa e da quel momento i personaggi hanno cominciato a vivere nella mia testa, facendomi sentire l’esigenza di trascrivere tutto su carta. 


    3)Quanto tempo dedichi alla scrittura durante il giorno?

Se l’ispirazione chiama metto la sveglia molto presto la mattina per potermi ritagliare un po’ di spazio, perché tra casa e bambini, oltre la stanchezza, non riesco a dedicarle molto tempo.


   4)Quando scrivi solitamente preferisci il silenzio assoluto o ascolti della musica?

Diciamo che la musica è la mia principale fonte d’ispirazione, ma quando scrivo ho bisogno del silenzio più assoluto.


    5)I tuoi romanzi hanno delle colonne sonore?

Il mio primo romanzo Semplicemente Gio’ è un inno alla musica. La vita dei personaggi, in particolar modo quella della protagonista, girano intorno ai testi delle canzoni dei Modà.


    6)Qual è il tuo autore e il tuo libro preferito?

Non ho un autore preferito perché m’innamoro più che altro delle storie, anche se sto scoprendo degli autori emergenti a cui mi sono affezionata tantissimo come stile. Se devo proprio scegliere un libro tra i miei preferiti direi ‘Io prima di te’ e come autore l’indiscutibile talento di Stephen King.


    7)Se potessi cambiare qualcosa della storia ormai pubblicata, lo faresti? Se sì, perché?

Ho poche certezze nella vita, ma sulla stesura di Semplicemente Gio’ non ho alcun dubbio. Sono affezionata a ogni singola riga di questa storia a cui sono legata in maniera viscerale. Tratto argomenti di vita reale: malattia, tradimento, amicizia, lealtà. Non tutti apprezzeranno il fatto che io abbia riportato i testi dei Modà, ma non ne sono affatto pentita perché sono stati la mia fonte d’ispirazione e meritano il posto che gli ho dedicato.


    8)Ti sei ispirato a qualcuno per la descrizione fisica/caratteriale del tuo/dei tuoi personaggio/i?

Ho cercato di rendere i personaggi più realistici possibili, spesso usando punti caratteriali delle persone che mi circondano. A livello fisico mi sono ispirata a suo tempo ad alcuni protagonisti di X-Factor, giusto per rimanere in tema musicale.


    9)Che consiglio daresti a chi vorrebbe pubblicare il suo primo libro?

Di credere nel loro sogno ma non di farsi troppe aspettative. Vengono pubblicati al giorno tantissimi libri e riuscire a emergere tra tutti è davvero difficile, però la soddisfazione di arrivare al cuore anche di un singolo lettore è immensa.


   10)È il momento dello “Spot Time”. Perché i lettori dovrebbero acquistare questo romanzo? 

Non sono molto brava a vendermi però posso assicurarvi che Semplicemente Gio’ è un bel viaggio tra i sentimenti che ci accompagnano lungo una vita. Vi farà ridere, piangere e, perché no, cantare. E soprattutto riflettere sul destino, sulle scelte che a volte prendiamo troppo velocemente o con leggerezza. Semplicemente Giò vi farà capire che spesso è sufficiente essere solo noi stessi.





Ringraziamo  Erika per aver partecipato alla nostra intervista e le facciamo un grande in bocca al lupo per tutti i suoi progetti futuri.



Nessun commento:

Posta un commento